Azioni Parallele

NUMERO 4 - 2017
Azioni Parallele
è una rivista on line a periodicità annuale, che continua in altre modalità la precedente ultradecennale esperienza di Kainós.
La direzione di Azioni Parallele è composta da
Gabriella Baptist,

Aldo Meccariello
e Andrea Bonavoglia.
La distribuzione è affidata a Ergonet (VT).

La sede della rivista è Roma.

-Informativa sui cookie-

MEDITERRANEI

AP3 - 2016

indice completo

LUOGHI non troppo COMUNI

DIMENTICARE

AP1 - 2014
apri l'indice
indice completo
[compra il libro 
presso ARACNE]

Informazioni e visite

Abbiamo 216 visitatori online

OS
Linux w
PHP
5.5.37
MySQL
5.5.5-10.1.18-MariaDB
Ora
18:33
Caching
Abilitato
GZip
Disabilitato
Visite agli articoli
335930

Siti "paralleli"

Siti amici di "Azioni Parallele"  

LUOGHI non troppo COMUNI

 

 

 

 

 

 


  

Bisogna assumere un atteggiamento positivo


Il breve testo Bisogna assumere un atteggiamento positivo di Jacques Ellul (Il faut prendre une attitude positive) appartiene a Exégèse des nouveaux lieux communs.


 

Per esorcizzare i demoni della realtà


Per esorcizzare i demoni della realtà
. Introduzione a Jacques Ellul, Bisogna assumere un atteggiamento positivo.


Whitney Stories: Jeff Koons


Il breve filmato propone una auto-presentazione di Jeff Koons e della retrospettiva del 2014 organizzata al Whitney Museum di New York.


LUOGHI non troppo COMUNI


Il luogo comune è anzitutto una declinazione linguistica e insieme un tratto linguistico, un sintagma irrigidito, una parola doppia che in realtà può scriversi come parola unica.


Del diritto alla città ovvero del luogo dell’abitare dell’uomo


La lettura evolutiva dalla polis greca alla cosmopoli contemporanea consente una possibile teoria della ricostruzione delle città.


 

Heidegger e la chiacchiera


La chiacchiera, secondo l'Heidegger di Essere e tempo, funziona come il meccanismo di un’interpretazione prestabilita: è la comprensione media nella quale l’uomo si trova immerso. 


 

L’uomo senza quantità. Decostruzione del privilegio e anarchismo socio-rivoluzionario


Il discorso sul privilegio può partire dal programma dell’anarchismo rivoluzionario ottocentesco, ma deve essere totalmente riveduto e aggiornato in base alle acquisizioni teoriche fornite da Pierre Bourdieu, da John Rawls, da James Hillman, da Peter Sloterdijk.


 

Piove, governo ladro!


Se il linguaggio è la matrice di una relazione che voglia definirsi politica, il luogo comune diventa il fenomeno comunicativo capace di rivelare, in forma certo superficiale quanto ambigua, quel giudizio nel quale una comunità rischia di riconoscersi. 


 

Le capanne dello Zio Taut


Negli anni difficili della Repubblica di Weimar, Bruno Taut fu talmente prolifico nella capitale tedesca che il suo ruolo dovette assomigliare a quello del costruttore perfetto, dell'architetto per tutte le stagioni. Eppure, in molte storie dell'architettura moderna il suo nome risulta citato appena, e quasi esclusivamente collegato all'espressionismo degli anni precedenti la Grande Guerra.


 

La risorsa dell’identità universale nella riflessione di François Jullien


Ne "L'universale e il comune" del 2008 François Jullien ha cercato di gettare un ponte fra pensiero occidentale e pensiero cinese.


 

Luoghi: nozioni comuni della mente, spazi aperti e chiusi, ecceità, flussi-eventi e metamorfosi


In genere si considerano luoghi comuni le convinzioni della massa, che coincidono talvolta col buon senso e talaltra con le banalità di un sapere privo di criticità, il senso comune. Ma letteralmente i luoghi comuni sono i luoghi dell’abitare, i luoghi pubblici, di transito e di stazione, luoghi di attività della nostra esistenza di lavoro e di vita materiale, luoghi di relazioni sociali o spazi chiusi.


La banalità di Koons


Maestro nel ricostruire la banalità della vita, Jeff Koons è l’autore di alcuni snodi centrali nell’immaginario artistico degli ultimi trent’anni e non a caso il più importante museo americano di arte moderna, il Whitney di New York, nel 2014 lo ha celebrato con una grandiosa retrospettiva. 


 

L’importanza dei luoghi comuni


Scriveva Paul Valery: "Nella composizione della tua sostanza mentale più del 99% è costituito da immagini e impressioni senza valore."


 

selezione da Gustave Flaubert, "Dizionario dei luoghi comuni"



Una selezione dal "Dizionario dei luoghi comuni" di Gustave Flaubert


selezione da Karl Kraus, Detti e contraddetti


Una selezione da "Detti e contraddetti" di Karl Kraus.


Avere tanti anni. Il tentativo di una Auto-Poesia


Se una poetessa come D’Amato scrive la sua autobiografia in forma di poesia, non vuol forse questo dire che anche il contenuto di questa narrazione si trasforma?


Remo Bodei, Una scintilla di fuoco. Invito alla filosofia


Il libro di Bodei confida nel fatto che la riflessione filosofica possa essere una sorta di tessuto connettivo e un rimedio nei confronti della chiacchiera quotidiana.


 

Paolo Godani, La vita comune


Obiettivo del nuovo libro di Paolo Godani è esplorare nella quotidianità le direzioni del nostro vissuto e le rumorose onde sulle quali navighiamo e di cui siamo intrisi.


Pierre Dardot e Christian Laval, Del Comune, o della Rivoluzione nel XXI secolo


Il senso della concezione del comune di Laval e Dardot sta nel
la capacità degli uomini di co-agire insieme, che li rende esseri sociali.


François Jullien, Sull’intimità. Lontano dal frastuono dell’Amore


Il libro di
 François Jullien, Sull’intimità, strutturato in dieci densi capitoli, è propiziatorio, bellissimo e necessario perché demolisce l’intimità come luogo comune.


Cultura e luoghi comuni nella società contemporanea


Idee stereotipate e valori presunti tali vengono condivisi quotidianamente dai diversi gruppi sociali e la loro influenza dipende dall’energia di persuasione che caratterizza il centro di diffusione delle nuove idee e valori.